OutletScarpeOnline.it Blog

Pulire le Scarpe in Camoscio senza Rovinarle

Pulire le scarpe in camoscio senza rovinarle, sembra una sfida ma con un pò di delicatezza è possibile ed è anche facile, vediamo come.

Le scarpe in camoscio, o meglio in generale il camoscio, è difficile da pulire in quanto la superfice di questo materiale è molto delicato e sensibile al contatto, però ci sono dei piccoli accorgimenti che possono aiutarci a ridare nuovo splendore alle nostre scarpe in maniera davvero semplice.

Anche questa volta facciamo praticamente ricorso al consiglio della nonna: sapone di marsiglia puro al 100% ed acqua!

Questa è la giusta combinazione per pulire le scarpe in camoscio senza rovinarle.

In una ciotolina o un piatto creiamo una combinazione di sapone di marsiglia al 20% ed acqua, quindi con una spugnetta molto delicata, imbeviamo ed iniziamo a pulire, il consiglio come sempre è quello di provare dapprimo in un angolo invisibile per testarne l’effetto, qualora ci rendiamo conto che il risultato sia ottimale allora procediamo con l’intera calzatura.

Pulito il tutto dobbiamo farla asciugare, e anche qui qualche parola dobbiamo dirla: dimentichiamoci di forzare il tutto con calore, quindi assolutamente no a phon o fonti di calore diverse in quanto potrebbero deformare la lavorazione, piuttosto lasciamole asciugare naturalmente in un ambiente protetto, anche dall’esposizione diretta dei raggi solari.

Un pò di pazienza e se abbiamo fatto tutto nel migliore dei modi le nostre scarpe belle pulite ritorneranno al loro vecchio splendore e sopratutto riacquisteranno quella vivacità di colore che avevano perso.

Ultima nota, pulire le scarpe in camoscio non significa che diventano nuove!

Non aspettiamoci miracoli, le parti che per via dell’usura hanno subito dei danni non si ripristineranno, infatti paraliamo di purlirle in modo da non rovinarle, non stiamo parlando di miracoli, se quindi le nostre scarpe sono molto usurate, occorre ben valutare il beneficio che traiamo dalla pulizia, talvolta è meglio lasciare stare.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *